Sei in

Vincenzo Nibali: Il Delfinato è la miglior gara per prepararsi al Tour de France

Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) tornerà al Critérium du Dauphiné dopo un’assenza di due anni pronto a dare il tocco finale alla sua forma prima di affrontare il Tour de France 2018.

Il vincitore del Tour 2014 ha saltato il Giro d’Italia quest’anno, una gara che ha vinto nel 2016 ed ha concluso al terzo posto lo scorso anno, per concentrarsi nell’obiettivo di aggiungere un’altro Tour al suo già ricco palmares. La vittoria alla  Milano-San Remo è stata ovviamente positiva per il morale e, dopo aver disputata la Liége-Bastogne-Liége ad aprile, il 33enne italiano si sta preparando per Tour: recentemente ha effettuato delle sessioni di allenamento in altura sul Monte Teide (Spagna) .

“Ho trascorso le ultime due settimane sul Vulcano Teide per gettare le basi del mio allenamento di montagna per il Tour de France”, ha detto Nibali agli organizzatori del Dauphiné la settimana scorsa.

 

[AdSense-A]

 

 

“Sto andando in Italia prima di tornare, con piacere, al Delfinato”, ha aggiunto. “Sono convinto che il Tour du Dauphiné è la gara più adatta per prepararsi gradualmente al Tour de France,  il mio obiettivo principale di questa stagione, ricordo soprattutto che è sempre una gara difficile con tante salite e grandi avversari.”

Il principale avversario di Nibali in montagna saranno il francese Romain Bardet (AG2R La Mondiale) e l’irlandese Dan Martin (UAE Team Emirates), visto che molti pretendenti alla vittoria finale del Tour hanno optato per il Tour de Suisse, che inizierà il 9 giugno e sarà più vicino al Tour de France che inizia il 7 luglio.

Il miglior risultato di Nibali al Delfinato è stato il settimo posto nel 2014, l’anno in cui ha vinto il Tour, e spera di replicare quel risultato anche quest’anno. Non ha mai vinto una tappa nelle sue cinque partecipazioni al Dauphiné, ma è stato al comando della generale nel 2015 prima che Tejay van Garderen (BMC Racing) prendesse la maglia.

 

[AdSense-B]

 

 

Nibali la scorsa settimana ha detto la scorsa settimana che spera di dare spettacolo in gara, ma ha ribadito che il suo obiettivo principale è essere al top della forma per luglio.

“Vengo a fare una bella gara, ma vincere sarà molto difficile”, ha detto. “Mi piacerebbe ottenere un buon risultato in alcune tappe, ma il mio obiettivo principale è preparare il Tour.”

Il Dauphiné non solo fornirà l’opportunità di rifinire la preparazione fisica, ma sarà anche l’occasione per Nibali e gli altri  dare un’occhiata ad alcuni dei tracciati che i contendenti del Tour de France affronteranno a luglio.

La cronometro a 35 km della Dauphiné del 6 giugno è della stessa lunghezza che le squadre affronteranno durante la terza tappa del Tour, mentre la penultima tappa del 9 giugno è una copia quasi essata della tappa 11 del Tour. Il gruppo percorrerà esattamente lo stesso trato di 108 km da Albertville a La Rosière. Il percorso prevede due salite di categoria HCe una salita di categoria 2 prima dell’ascesa finale alla stazione sciistica di La Rosière. La breve ma potenzialmente esplosiva tappa di montagna potrebbe essere uno dei giorni chiave del Tour.

“È molto importante”, ha risposto Nibali quando gli è stato chiesto quanto fosse importante questa ricognizione prima del Tour di luglio. “Nel ciclismo di oggi, non trascuriamo nulla quando ci prepariamo per una gara prestigiosa come il Tour de France. In aprile, ho affrontato la  Roubaix, perché conoscerlo direttamente fornisce un certo vantaggio.”

 

[AdSense-C]

 

 

Il Critérium du Dauphiné 2018 ha inizio domenica 3 giugno, con una prova a cronometro di 6,6 km a Valence. La gara WorldTour di otto giorni si concluderà domenica 10 giugno con una tappa di 136 km da Moûtiers a Saint-Gervais Mont Blanc.

Condividi su

Post Correlati