Sei in

Van Avermaet nell’olimpo vince la Parigi Roubaix, Moscon quinto

Van Avermaet nell'olimpo vince la Parigi Roubaix, Moscon quinto

Greg Van Avermaet BMC racing Team vince con autorità la classica monumento Parigi Roubaix 2017. Nonostante un rallentamento e un cambio bicicletta poco prima della foresta di Arenberg il campione olimpico vince la volata nel velodromo di Roubaix. Secondo posto per Zdeněk Štybar Quick-Step Floors e terzo posto per Sebastian Langeveld Cannondale Drapac. Ottimo quinto posto per Gianni Moscon Team Sky. Ottimo anche Daniel Oss che con la sua azione negli ultimi km ha contribuito notevolmente alla vittoria del compagno di squadra.

[AdSense-A]

La cronaca della Parigi Roubaix 2017

Il gruppo procede compatto fino a 10 km dal primo tratto in pavé. Diversi tentativi di fuga non hanno avuto esito, infatti, nella prima parte della gara. Sono tre gli uomini che vanno via e che affrontano il tratto numero 29 con 60” di vantaggio sul gruppo. Rimangono in due al comando e si tratta di Jelle Wallays della Lotto Soudal e di Mickael Delage FDJ.

Nel gruppo una caduta coinvolge Olivier Naesen della AG2R che è costretto a faticare per rientrare con i big. Prima del tratto 23 si aggiunge un uomo alla fuga, Stijn Vandedenbergh AG2R. Nel tratto di asfalto tra il 21 e il 20 Greg Van Avermaet della BMC Racing Team resta penalizzato da una strettoia non segnalata. Il campione olimpico all’inizio del tratto in pietra rimane poi coinvolto in una caduta che lo costringe ad attendere l’ammiraglia per il cambio della bici. La notizia raggiunge i suoi avversari che accelerano in testa al gruppo. Il campione della BMC affronta la foresta di Areberg con un ritardo di una trentina di secondi. Rientrerà poi sulla testa della corsa.

[AdSense-B]

 

La situazione in testa alla corsa è fluida e cambia diverse volte: Sylvain Chavanel Direct Energy e Jelle Wallays restano al comando fino al tratto numero 17 quando una accelerazione improvvisa della Trek-Segafredo spezza il plotone in due e si forma un quartetto: Peter Sagan e Maciej Bodnar  Bora Hansgrohe, Daniel Oss BMC Racing Team e Jasper Stuyven Trek Segafredo. Il Campione del mondo però a causa di una foratura viene ripreso dal gruppo insieme al suo compagno di squadra che gli copre le spalle in attesa della sua ammiraglia.

Rimangono in testa Daniel Oss e Jasper Stuyven mentre alle loro spalle Tom Boenen che oggi ha corso per l’ultima volta, da spettacolo con continue accelerazioni che fanno selezione. La coppia di testa viene raggiunta poi da altri tre uomini, Gianni Moscon Team Sky, Jürgen Roelandts  Lotto Soudal, Dimitri Claeys Cofidis. Alle loro spalle ad una ventina di secondi tutti i big. Sempre Boonen Van Avermaet e Sagan a fare da mattatori. AL termine del tratto numero 10 i cinque uomini al comando vengono ripresi anche grazie al forcing del belga che oggi cercava la sua quinta vittoria alla Roubaix.

Daniel Oss rilancia però, e continua in solitaria mentre ancora un colpo di scena con un problema per Peter Sagan che si ferma per cambiare nuovamente la ruota posteriore. In salita per lui il finale. Ai – 25km Daniel Oss si rialza e attende il suo compagno di squadra Van Avermaet per mettersi al suo servizio. Si forma un gruppetto di sette uomini al comando. A 25” Tom Boonen

Al tratto numero 4 Carrefour de l’Arbre, rimangono cinque uomini al comando: Moscon, Van Avermaet, Stybar, Stuyven e Langeveld. Il campione olimpico si lancia all’attacco e ala sua ruota resistono solo Zdeněk Štybar Quick-Step Floors e Sebastian Langeveld Cannondale Drapac. I tre guadagnano secondi preziosi sugli altri big, tra cui sempre Boonen. Ai meno 10 il gap arriva a 52”. A 35” invece si trovano Gianni Moscon e Jasper Stuyven.

La vittoria quindi è una questione tra i tre al comando: ai – 4km attacca Štybar ma Van Avermaet chiude immediatamente su di lui. I tre entrano insieme nel velodromo e iniziano le fasi di studio. La loro esitazione consente a Moscon e Stuyven. Tenta l’attacco  Štybar ma la vittoria finale se la aggiudica Greg Van Avermaet, secondo Zdeněk Štybar  terzo Sebastian Langeveld. Gianni Moscon alla sua seconda partecipazione chiude al quinto posto.

[AdSense-C]

Ordine di arrivo alla Parigi Roubaix 2017

1 Greg VAN AVERMAET BEL BMC 5:41:07
2 Zdenek ŠTYBAR CZE QST +0
3 Sebastian LANGEVELD NED CDT +0
4 Jasper STUYVEN BEL TFS +0
5 Gianni MOSCON ITA SKY +0
6 Arnaud DEMARE FRA FDJ +12
7 André GREIPEL GER LTS +12
8 Edward THEUNS BEL TFS +12
9 Adrien PETIT FRA DEN +12
10 John DEGENKOLB GER TFS +12

Condividi su

Post Correlati