Sei in

Uva: bianca, rossa, nera, perché fa bene alla salute

Uva: preziosa fonte di antiossidanti benefici per la salute

Tra i frutti più antichi del mondo, l’uva da tavola è un vero concentrato di elementi benefici per la salute e il benessere dell’organismo.

In antico Egitto la produzione di uva era diffusa quasi come ai giorni nostri, così come in antica Grecia e tutto l’Impero romano. Al vino vennero addirittura dedicate delle divinità: Dioniso per i greci, Bacco per i romani. Dei della convivialità. Ma le sue origini sono molto più antiche: studiosi e ricercatori asseriscono che la coltivazione della vite risale addirittura all’era neolitica (parliamo di circa 10.000 anni fa!).

Attraverso la storia, il consumo di questo frutto si è protratto sino ai giorni nostri, con coltivazioni diversificate, per il consumo da tavola o da vino, in molteplici varietà. Che sia il semplice frutto, o l’alcolico succo, l’uva è stata e rimane protagonista sulle tavole di gran parte del mondo.

[AdSense-A]

L’uva fa ingrassare ?

Diciamolo subito: a parte l’acqua, tutto fa ingrassare. E’ sempre la quantità a fare la differenza. L’uva, sia bianca che nera, contiene poche calorie (meno di 70 per 100 g), ma è molto ricca di zuccheri. Se consumata in grandi quantità può favorire l’aumento di peso, ma non è necessario escluderla dalla dieta, rinunciando così a tutte le sue benefiche proprietà.

Non contiene solo zuccheri, ma anche acqua, fibre e potassio, che favoriscono la diuresi e la depurazione dell’organismo, contrastando ritenzione idrica e cellulite. In più, l’uva nera contiene un antiossidante, il resveratrolo, che tra le sue molte proprietà ha la capacità di  svegliare il metabolismo. Anche in  una dieta ipocalorica, ne è concesso e consigliato il consumo, in piccole quantità, nella varietà preferita. Non è però indicata a soggetti allergici e diabetici.

Uva: proprietà e controindicazioni

Ogni bacca (acino), dolce e succosa, contiene numerose sostanze benefiche e proprietà importanti per la salute. Con un contenuto elevato di acqua (80% in 100 g) e potassio, è diuretica e depurativa. Contrasta la ritenzione dei liquidi, favorisce la diuresi e migliora l’attività di fegato e reni. Oltre a regolare i livelli di pressione arteriosa. Le fibre di polpa e buccia intervengono sul moto intestinale, disintossicano l’organismo e lo aiutano ad eliminare scorie e tossine.

E’ lassativa, indicata per chi soffre di stipsi ma, a causa della veloce fermentazione, in soggetti predisposti può creare gonfiore addominale (aria nella pancia). Naturalmente la quantità può fare la differenza: un consumo moderato non crea in genere problemi.

Uno spuntino a base di uva è indicato agli sportivi: gli zuccheri semplici di cui è ricca forniscono l’energia necessaria per affrontare l’attività motoria. Anche i giovani impegnati con lo studio possono trarne grandi benefici e migliorare la concentrazione.

I flavonoidi presenti nell’uva rossa e nera, proteggono la pelle e rinforzano i capillari. Il resveratrolo contenuto nelle uve rosse e nere (come nel vino rosso) ha proprietà antinfiammatorie e antibatteriche. Riduce il colesterolo e fluidifica il sangue, con un’azione protettiva verso tutto il sistema cardiocircolatorio, contrastando l’arteriosclerosi.

Il resveratrolo, inoltre, ha proprietà antiteratogene, ovvero contrasta lo sviluppo anomalo del feto. Anche per questo, sì al consumo di uva nera in gravidanza (non vino, che contiene alcol). Essendo un potente antiossidante, è in prima linea nella difesa delle cellule dai radicali liberi, proteggendole dall’invecchiamento.

Non basta: il frutto della vite contiene buone quantità di luteina e zeaxantina, carotenoidi con proprietà antiossidanti, attivi soprattutto sulla salute degli occhi. Proteggono dalle radiazioni dannose e contrastano la formazione della cataratta. Insieme alle vitamine presenti, rinforzano il sistema immunitario.

Valori nutrizionali

In 100 g di uva (bianca o nera) troviamo i seguenti elementi:

  • Carboidrati       g  18
  • Zuccheri            g  15
  • Proteine            g  0,72
  • Grassi                g  0,16
  • Fibre                  g  0,9
  • Potassio         mg  191
  • Fosforo          mg  20
  • Calcio             mg  10
  • Sodio              mg  2
  • Magnesio      mg  7
  • Fluoro            mg 7,8

Vitamine del gruppo B (B1, B2, B6), Vitamina A, C, K. Fitosteroli, betacarotene, resveratrolo (nella buccia delle uve rosse e nere), luteina e zeaxantina.

Uva bianca per depurare apparato urinario, fegato e reni

Varietà di uva da tavola

L’ Italia è il primo produttore mondiale di uva da mensa o da tavola, con coltivazioni concentrate in particolare nelle regioni Puglia, Basilicata, Sicilia. La coltivazione della vite infatti, si distingue tra quella destinata alla vinificazione e al consumo diretto. Questo soprattutto a causa di una differente maturazione: la produzione destinata alle cantine avviene quando il frutto non ha ancora raggiunto la piena maturazione, perché l’acidità delle bacche permette la migliore conservazione e invecchiamento del vino.

Per quanto riguarda il consumo del frutto, vediamo quali sono varietà e caratteristiche più comuni:

Uva nera

Apulia Rose – Coltivata in Puglia, è una qualità senza semi, dal sapore molto dolce. Il consumo ideale è tra la fine di Settembre e la fine di Dicembre.

Crimson – Californiana, colore rosso scuro, acini di forma cilindrica, molto croccante. Si trova da metà Settembre fino ai primi di Novembre.

Cardinal – La produzione è prevalentemente abruzzese, di colore rosso/rosato, ha polpa carnosa e acini grandi e sferici. Il periodo migliore è da inizio Agosto. Non la troviamo a lungo, poiché non resiste sulla pianta dopo la maturazione, va raccolta subito.

[AdSense-B]

Uva bianca

Italia – Acini grandi e sferici, polpa croccante e dolce, tra le più conosciute e consumate. Disponibile da metà Settembre alla fine di Dicembre.

Regina – Altra varietà molto diffusa e apprezzata, Colore dorato, dolce, con un delicato aroma di moscato. E’ un vitigno molto antico. Da consumare tra la metà di Settembre e la metà di Ottobre.

Pizzutello – Tipica di Puglia e Lazio, si coltiva sia bianca che nera. Acini di forma allungata, si trova da fine Settembre a fine Dicembre.

Vittoria – Gli acini sono gialli e tondi, il sapore molto dolce. Si raccoglie dai primi di Agosto fino a metà Ottobre.

Uva fragola – Di origine americana, detta anche “uva americana”, si compone di diverse varietà, fra cui la Fragola bianca, Fragola precoce nera, precoce bianca. Adatta sia al consumo diretto, sia per la vinificazione. E’ conosciuta per il caratteristico aroma di fragola.

Condividi su

Post Correlati