Sei in

Tè verde: i benefici degli antiossidanti e la catechina EGCG

Il tè verde è ricco di ECGC, un prezioso antiossidante

La scienza lo conferma: il tè verde è un alimento-farmaco, in grado di prevenire e ridurre numerosi disturbi e patologie.

Studi scientifici avanzati dimostrano che l’alimentazione influenza il nostro stato di salute (il bene più prezioso). E’ dal cibo che ricaviamo l’energia che ci consente di vivere, gli elementi essenziali per mantenere il corpo sano ed efficiente. I cibi troppo lavorati, ricchi di grassi e poco salutari, possono causare disturbi che, a lungo andare, sfociano in vere e proprie patologie. Gli alimenti naturali, ricchi di proprietà benefiche, non solo sono necessari alla vita, ma spesso contengono principi attivi in grado di prevenire o ridurre il rischio di molti disturbi e malattie, anche importanti. Conosciuto e utilizzato da millenni come un vero “elisir di lunga vita“, il tè verde è uno di questi alimenti, grazie ad un antiossidante molto potente, la catechina EGCG (epigallocatechina-3-gallato), dal nome quasi impronunciabile, da cui derivano le sue numerose proprietà.

Le proprietà del tè verde

Bevuto caldo o freddo, in ogni momento della giornata, il tè verde disseta e fornisce all’organismo numerosi benefici. Contiene polifenoli, tannini, vitamine C, B, K, sali minerali, bioflavonoidi.

  1. E’ antibatterico –  In particolare contrasta i batteri responsabili di malattie dentali come la carie
  2. Riduce lo stress psicofisico –  Grazie alla presenza di Teanina che, inoltre, rallenta l’assorbimento e il rilascio della caffeina nell’organismo.
  3. Migliora la circolazione sanguigna – I flavonoidi mantengono le arterie pulite, contrastano il colesterolo, regolano la pressione arteriosa, riducono il rischio di arteriosclerosi e ictus.
  4. Previene la caduta dei capelli – Il tè verde contiene sostanze che inibiscono l’azione dell’enzima che causa la caduta dei capelli.
  5. Accelera il metabolismo – Aiuta l’organismo a bruciare  i grassi, favorendo la perdita di peso.
  6. Protegge le cellule – Gli antiossidanti contrastano i danni prodotti dai radicali liberi, prevenendo la degenerazione cellulare.

La catechina EGCG è un composto presente nei vegetali, in modo particolare nel tè verde. In buone quantità anche nel cacao. Si tratta di un polifenolo antiossidante, con importanti proprietà protettive nei confronti delle cellule. Studi scientifici seri hanno già dimostrato come la catechina EGCG sia particolarmente attiva nel contrastare la formazione di alcune cellule tumorali, impedendone la proliferazione. Molti altri studi sono ancora in corso, ma di sicuro sappiamo che protegge la pelle dai danni solari e dall’invecchiamento cutaneo. Contrasta la formazione di placche nelle arterie, riduce il colesterolo cattivo (LDL) e i trigliceridi nel sangue.

Il tè verde matcha, giapponese, si consuma polverizzato

I principali tipi di tè

Tutti i tipi di tè vengono prodotti partendo da un’unica pianta: la Camellia Sinensis, arbusto asiatico che appartiene alla famiglia delle Theaceae, da cui si raccolgono le foglie apicali e i germogli. A determinare tipologie e varietà sono diversi fattori, tra cui la zona di produzione, il periodo di raccolta, tipo e durata di lavorazione.

Tra i più conosciuti troviamo:

  • Tè nero  – Subisce il processo di ossidazione che esalta colore e sapore
  • Oolong o tè qing  – Una via di mezzo tra tè verde e tè nero
  • Tè verde  – Non fermentato/ossidato
  • Matcha o tè giapponese  – Tè verde polverizzato
  • Tè bianco  – Raro e pregiato, non fermentato/ossidato

Ogni tipo di tè è composto da molte varietà, con caratteristiche e sapori diversi.

Ossidazione/fermentazione del tè

All’origine, le foglie da cui si produce la bevanda, hanno le medesime caratteristiche, ma il processo di lavorazione trasforma alcune sostanze, modificandone le proprietà. In particolare, parliamo di un trattamento specifico: l’ossidazione. Chiamata anche erroneamente fermentazione, consiste nella rottura dei bordi delle foglie, le cui cellule, a contatto con l’ossigeno, innescano una reazione chimica che ne favorisce l’annerimento (come la polpa della mela, che esposta all’aria diventa scura). Serve ad esaltare il colore ed il sapore dell’infuso, e viene utilizzato per la produzione del tè nero. Il trattamento intensifica il gusto, ma inibisce le catechine, che perdono in parte l’effetto antiossidante.

Il tè verde non subisce il trattamento di ossidazione, e le sue foglie, essiccate, mantengono il colore caratteristico. Per questo motivo la concentrazione di catechine è maggiore, conferendo alla bevanda notevoli proprietà antiossidanti, più di qualunque altro alimento.

 

Condividi su

Post Correlati