Sei in

Storia della Guerra Fredda di Federico Romero

Storia della Guerra Fredda di Federico Romero

Storia della Guerra Fredda di Federico Romero : l’ultimo conflitto per l’Europa

Cercate un libro da leggere sotto l’ombrellone per rilassarvi ? Non so se questo libro fa per voi. A meno che non siate degli appassionati di storia; oppure siate curiosi e vogliate saperne di più su un periodo del nostro passato recente che tanto ha condizionato la nostra esistenza; o magari condividiate l’idea che si debba guardare al passato per capire il presente. Se rientrate in una di queste categorie allora “Storia della Guerra Fredda” di Federico Romero può essere una buona lettura per le vacanze. Il libro, infatti, nonostante sia indicato tra le letture per gli esami di storia contemporanea di alcune facoltà universitarie, è scorrevole e piacevole. È sufficiente un buon livello di cultura generale, e magari qualche capello bianco come chi vi scrive, per ricordare molti eventi descritti nel testo.

Il testo rappresenta una rilettura degli anni e degli accadimenti della Guerra Fredda, con una prospettiva storica ma distaccata perché oggi siamo più liberi dal peso delle ideologie che, fino a poco tempo fa, distorceva la nostra capacità di giudizio.

Come nasce l’espressione “Guerra Fredda”

Come nasce il termine Guerra Fredda. Il primo ad utilizzarlo fu George Orwell nel 1945 che, riflettendo sull’effetto della bomba atomica, predisse un conflitto fra USA e Unione Sovietica impossibile da risolversi con un vincitore ed uno sconfitto. Questa sarebbe stata la premessa per una dominazione opprimente del mondo da parte delle due superpotenze. Due anni più tardi fu l’opinionista statunitense Walter Lippaman a indicare, con queste parole, l’antagonismo tra Washington e Mosca che si accentuava sempre di più di fronte all’incapacità di negoziare un ritiro dei propri eserciti dall’Europa.

Da quel momento in poi, con l’espressione “Guerra Fredda” si indicò un conflitto bipolare mondiale che nel corso dei decenni successivi vide il susseguirsi di scontri diplomatici, economici e militari a livello regionale per imporre il proprio modello e la propria ideologia da parte dei contendenti : democrazia e libero mercato in Occidente , comunismo e socialismo a Oriente.

I teatri delle Guerra Fredda

I teatri di questo scontro furono diversi nel corso degli anni: dapprima il confronto avvenne in Europa, poi la contesa si trasferì nel Terzo Mondo. Dopo aver stabilizzato l’Europa distrutta dalla guerra, si voleva assumere il controllo delle ex colonie: Africa, Asia e Sud America furono percorse da guerre, colpi di stato, contese diplomatiche. Tutto con alle spalle le due super potenze. Corea, Vietnam, Afghanistan sono solo alcuni dei protagonisti coinvolti negli episodi che fanno parte del nostro bagaglio di “ricordi storici”.

I protagonisti della Guerra Fredda

Cambiano, con gli anni, anche i protagonisti del conflitto : Stalin con il suo terrore, Kruscev con la sua volontà riformistica, Breznev… fino ad arrivare a Gorbaciov da una parte; Eisenhower, Kennedy, Nixon , Regan dall’altra. L’Europa, invece, è debole dopo la guerra e con governanti questuanti ma, quando si rafforza, avanza la pretesa di contare anche lei rispetto alle due super potenze. Intanto emergono nuovi attori sulla scena geopolitica mondiale : Egitto,Israele,Cina, Jugoslavia …

Insomma un periodo che, anche se nei suoi tratti generali (conflitto tra ideologie e sistemi economici), segue un filo conduttore unico, e che nella realtà dei fatti è molto complesso ed articolato. Il libro di Romero traccia, seguendo la linea temporale, un quadro lucido e completo di quegli anni: ci fornisce, così, una ricostruzione obiettiva e funzionale per la comprensione di un passato a noi vicino, ricco di punti di origine della nostra situazione odierna.

Condividi su

Post Correlati