Sei in

Peperoncino, benefici, proprietà e curiosità della spezia più usata in cucina

peperoncini essiccati in trecce

La fama del peperoncino ha attraversato millenni e continenti, crescendo sempre più, sino a rendere questa spezia la più acclamata e utilizzata, in cucina e non solo. Il peperoncino è oggi protagonista negli orti e nei giardini; a lui sono dedicate fiere e manifestazioni, associazioni culturali e culinarie.

Molti sono i suoi talenti: si presenta in forme e colori incredibili, è dolce, saporito, delicato o molto piccante, ricco di sostanze benefiche per la salute.

Il peperoncino (Capsicum) appartiene alla famiglia delle Solanaceae. Originario dell’America centrale e meridionale, è una pianta perenne a vita breve: in climi favorevoli dura più di un anno, ma in genere viene coltivata come pianta annuale. A portamento cespuglioso, produce frutti colorati di varie forme e grandezza. Negli ultimi anni il peperoncino è diventato talmente popolare da invogliare orticoltori e appassionati a creare incroci e varietà sempre più piccanti.

pianta di peperoncino habanero vanilla

Il 23 Febbraio è il National Chili Day o Giornata mondiale del peperoncino. Nata negli Stati Uniti, la festa è oggi celebrata in tutto il mondo, con manifestazioni culinarie dedicate.

Per appassionati e curiosi, in Italia è imperdibile la manifestazioneRieti cuore piccante , esposizione internazionale e vendita di semi, piante e prodotti a base di peperoncino.

A cosa deve il sapore piccante

La caratteristica piccantezza è dovuta alla  capsaicina, sostanza alcaloide contenuta nel rivestimento dei semi e in quantità minore nella polpa. Maggiore è la quantità di capsaicina, maggiore il grado di piccantezza, che viene determinato tramite la “Scala Scoville“, dal nome del suo inventore, il chimico Wilbur L. Scoville che la ideò nel 1912. Un peperoncino poco piccante ha un valore (unità scoville) più basso, come ad esempio la varietà Jalapeno, che misura da 3.000 a 10.000 SU. La capsaicina pura misura 16 milioni di unità, i peperoncini più piccanti al mondo arrivano a 2.200.000 SU, ma la classifica è sempre in divenire.

Oggi si contano sino a 3000 varietà, ma le specie principali sono 5 :

  • Capsicum annuum  il più comune in Italia, a cui appartiene il Cayenna
  • Capsicum chinense  di origine sudamericana (Amazzonia), che include il famoso Habanero
  • Capsicum frutescens  (Tabasco)
  • Capsicum baccatum (Cappello del vescovo)
  • Capsicum pubescens di cui fa parte il Rocoto o Rocotillo

Una varietà molto in voga al momento è il peperoncino Erba delle capre ( Goat’s Weed), che appartiene al genere Capsicum annuum, ma si differenzia dagli altri per due particolarità: le foglie, che sono rivestite da peluria argentea, e le bacche, che da verdi diventano nere, prima di raggiungere un colore rosso intenso, a maturazione completa. Per bellezza e varietà di colori, è spesso coltivato a scopo ornamentale.

Il fusto raggiunge in altezza i 120 cm, e le bacche sono molto aromatiche e piccanti. Resiste più a lungo alle basse temperature.

[AdSense-A]

Proprietà e benefici del peperoncino

Considerato come elisir di lunga vitail peperoncino contiene molti elementi benefici per la salute:

  • minerali, tra cui calcio, fosforo, potassio, selenio, magnesio e zinco.
  • vitamine A, C, E, K, e alcune del gruppo B
  • Licopene
  • Capsaicina

La bacca rossa, matura, ha proprietà antiossidanti, combatte i radicali liberi e mantiene giovani le cellule; favorisce la digestione e l’eliminazione del gonfiore addominale; essendo vasodilatatore, migliora la circolazione del sangue. E’ antibatterico e grazie al contenuto di vitamina C, rinforza il sistema immunitario.

Il consumo di peperoncino è sconsigliato se si soffre di gastrite, ulcera o reflusso gastroesofageo.

Uso in cucina

In antichità la spezia veniva usata per allungare i tempi di conservazione di alcuni alimenti, grazie alle sue proprietà antibatteriche. Oggi la troviamo in moltissimi piatti, in ogni parte del globo. Dai burritos messicani, alle costolette americane, agli spaghetti aglio, olio e peperoncino nostrani. Le ricette a base di peperoncino sono davvero innumerevoli, perché si sposa perfettamente con moltissimi ingredienti: verdure, carni, pesce, pasta. Ma anche con la birra e il cioccolato. E parlando di cioccolato ecco una ricetta veloce per una crema da leccarsi i baffi:

Crema al cioccolato bianco e peperoncino

Ingredienti:

  • 500 g  di mascarpone
  • 250 g  di cioccolato bianco
  • 50 g  di burro
  • 3 uova
  • un pizzico di peperoncino in polvere

Sciogliere burro e cioccolato a bagno maria e aggiungere il peperoncino. Togliere dal fuoco e unire i rossi d’uovo uno alla volta, aiutandovi con uno sbattitore. Aggiungere il mascarpone e mescolare bene.

A parte montare a neve gli albumi con un pizzico di sale, quando saranno ben fermi, unire al composto mescolando lentamente dal basso verso l’alto. Mettere in frigorifero per almeno un’ora e servire in bicchierini spolverizzando, se volete, del cacao amaro.

[AdSense-B]

Come conservare il peperoncino

Il metodo migliore per conservarlo è nel congelatore. Dopo aver pulito e asciugato le bacche, infilarle in un sacchetto per freezer e consumarle secondo necessità. Il prodotto rimane integro e non perde sapore o piccantezza. Se avete un box o cantina ventilati, potete creare le classiche collane e appenderle a seccare. Quando saranno asciutti e disidratati tritate o polverizzate e versate in vasi di vetro a chiusura ermetica. Per eseguire queste operazioni usate sempre i guanti; se manipolate peperoncini molto piccanti indossate anche una mascherina. 

 

 

Condividi su

Post Correlati