Sei in

Come fare l’orto sul balcone

piante da orto sul balcone

L’orto sul balcone fai da te.

Il giardinaggio giova alla salute: riduce lo stress, regola la pressione arteriosa, gratifica e rilassa. Fare l’orto sul balcone ci permette di consumare prodotti biologici, sani e nutrienti, non solo belli da vedere.

“La terra è bassa”, dicono i vecchi contadini. L’attività agricola è faticosa, richiede molto impegno: la terra va lavorata, non basta piantare qualche seme e attendere il raccolto. Ma riprodurre un piccolo orto sul balcone di casa è davvero molto semplice, un’attività per tutti, da fare anche con i bambini. L’importante è partire con le idee chiare, organizzare e pianificare gli spazi, sapere cosa comprare, senza esagerare.

Il progetto

Per prima cosa dovete verificare l’esposizione. La migliore esposizione è Sud-Est, Sud-Ovest, ma anche un balcone non sempre assolato può ospitare un orto molto produttivo. Non tutte le piante vogliono il sole diretto, alcune crescono bene anche in angoli più freschi e riparati. Ad esempio le aromatiche, le insalate, spinaci, ravanelli, piselli e bietole. Organizzate lo spazio in modo da esporre nelle zone assolate piante come pomodori, peperoncini, melanzane, zucchine.come disporre le piante nei contenitori per orto sul balcone

Prima di pensare alle piante, dovete scegliere i contenitori adatti per un orto sul balcone. La terra pesa, quindi scegliete vasi ampi, profondi, ma possibilmente in materiali non troppo pesanti. Sono molto indicate le cassette del latte in plastica, o quelle della frutta: basta rivestirle internamente di tessuto non tessuto, economico e facilmente reperibile. Vanno bene anche contenitori come barattoli, vecchie pentole, bottiglie in plastica; riciclare è sempre un bene, e renderà la composizione più dinamica e divertente. Chiaramente nei piccoli contenitori andranno disposte le piante più piccole. Non dimenticate le pareti: ortaggi come piselli, cetrioli e fagioli si prestano molto bene allo scopo componendo un bellissimo orto verticale, occupando pochissimo spazio.

 

 

Quali piante scegliere per l’orto sul balcone

La scelta degli ortaggi dipende da vari fattori: il gusto personale, l’esposizione alla luce, lo spazio disponibile. Per quanto riguarda il gusto, inutile piantare broccoli se in famiglia non piacciono a nessuno. Lo spazio è limitato: seminate i vostri ortaggi preferiti.

Crescono in pieno sole:

  • Peperoncini
  • Pomodori
  • Melanzane
  • Peperoni
  • Zucchine
  • Cetrioli
  • Rosmarino
  • Lavanda

Sopportano bene l’ombra:

  • Menta
  • Basilico
  • Melissa
  • Prezzemolo
  • Piselli
  • Bietole
  • Insalate verdi
  • Spinaci

Pomodori, zucchine, carote, melanzane, necessitano di vasi profondi: dedicate a loro i contenitori più grandi.

Semi e piantine

In entrambi i casi, se potete, acquistate prodotti biologici: i semi spesso sono trattati con sostanze chimiche, di conseguenza anche le piantine vendute nei vivai. Rivolgetevi a rivenditori biologici o fatevi regalare i semi, se avete amici o parenti coltivatori. Alcuni consorzi agricoli vendono semi non trattati. Se siete alle prime armi, preferite le piantine: si trapiantano semplicemente e vi risparmieranno lunghe attese. I semi offrono una maggiore scelta di varietà, ma un pochino più di attenzione.

Quale terra usare

Per coltivare ortaggi sul balcone occorre inserire nei contenitori un fondo di materiale inerte per il drenaggio. Le piante richiedono acqua, ma non amano i ristagni. Vanno bene le palline di argilla espansa, ma in commercio si trovano anche altri materiali adatti allo scopo. Aggiungete poi del terriccio universale, mescolato con un terzo di compost o concime organico. Lasciate da parte un po’ di terra per ricoprire i semi o rincalzare le piantine.

I fiori commestibili

Ci sono i fiori belli da vedere…..e quelli buoni da mangiare!  Il vostro orto sul balcone sarà ancora più bello e più colorato con qualche fiore commestibile. Inserite nasturzi, violette e camomilla, ma anche lavanda e rose. La camomilla ad esempio sta bene con le cipolle, l’aglio accanto alle rose.

Il nasturzio è tra i fiori commestibili per l'orto sul balcone

Consociazione

Consociare le piante significa mettere a dimora piante diverse nello stesso contenitore o aiuola. Questo è utile perché alcune piante traggono beneficio le une dalle altre, come aiuto nello sviluppo, o per allontanare insetti e parassiti. In un piccolo orto la consociazione è molto utile per ottimizzare al massimo gli spazi e aumentare il numero delle colture.

Vediamo alcuni esempi di consociazione:

  • Salvia e carote
  • Aglio con le rose
  • Basilico e pomodori, ma anche menta e pomodori
  • Camomilla e cipolle
  • Cetriolo e lattuga
  • Prezzemolo e fragole

Nasturzio e valeriana vanno bene ovunque, tengono lontani gli insetti.

 

 

Trattamenti per ortaggi e annaffiature

Desiderate un orto fai da te per produrre cibo sano e naturale? Al bando allora i trattamenti chimici, via libera ad antiparassitari e concimi naturali. Un metodo molto usato anche in agricoltura biologica è il macerato di aglio. Mettete alcuni spicchi d’aglio puliti in una bottiglia di acqua da due litri e lasciate  riposare per alcuni giorni. Filtrate in un flacone con spruzzino e irrorate tutte le piante due o tre volte al mese. Non preoccupatevi per l’odore, svanisce subito.

Un altro metodo è il macerato di ortica. Procedete come con l’aglio e irrorate spesso: l’ortica agisce anche come una sorta di integratore.

Annaffiate l’orto spesso, soprattutto quando fa molto caldo. Fatelo preferibilmente alla sera, in modo che l’acqua non evapori subito. Non bagnate direttamente le piante, ma solo il terreno che le ospita.

Buon orto a tutti!

 

Condividi su

Post Correlati