Sei in

Merida Scultura Team Bahrain Merida: scopriamo i suoi segreti

Merida Scultura Team Bahrain Merida: scopriamo i suoi segreti

La Scultura è uno dei tre modelli di casa Merida disposizione del Team Bahrain, oltre alla Reacto e alla Warp TT. In occasione del #Giro100 Vincenzo Nibali ha utilizzato una Scultura con una livrea particolare che richiamava il Trofeo Senza Fine.

 

Merida Scultura Bahrain Livrea #Giro100
Merida Scultura Bahrain Livrea #Giro100

Gli amanti di Merida possono acquistare ad oggi solo il Kit Telaio Team CF4, la bici completa verrà probabilmente inserita nel catalogo 2018. Ma vediamo un po’ di conoscere meglio la bici da corsa con cui lo Squalo ha gareggiato nella Corsa Rosa e con cui presto lo rivedremo al Giro di Polonia dove andrà a rifinire la sua preparazione in vista della Vuelta.

I segreti di questo gioiello della tecnologia sono tre: l’avantreno che garantisce alte prestazioni, il carro posteriore pensato per dare comfort di guida ai corridori e le tecnologie utilizzate per assemblare il telaio che conferiscono durezza oltre che un effetto estetico gradevole.

La triangolo anteriore della Merida Scultura è finalizzata alle prestazioni

L’area di rinforzo che aggiunge materiale alla linea di un tubo frontale che assume la forma a clessidra (ruotismo inferiore da un pollice e mezzo per il tubo anteriore della bici, che visto di profilo assume una forma svasata).
La forcella presenta foderi rettilinei con dimensioni massicce come tutto l’avantreno in contrasto con il carro più leggero.

Avantreno pensato per il comfort

Il carro posteriore ha diametri ridotti degli orizzontali e pendenti e garantisce così un buon assorbimento delle vibrazioni e dunque comfort per i corridori.

Nanotecnologie per un telaio più duro

La struttura viene compattata tramite una resina a matrice nanotecnologica che riesce a penetrare in maniera efficace tra gli spazi lasciati vuoti dalle fibre sovrapposte. Si chiama Nano Matrix questa tecnologia utilizzata da Merida per aumentare la qualità dei materiali: le resine epossidiche sono arricchite di nanoparticelle speciali per rafforzare la matrice del composito di carbonio. In questo modo, la resistenza all’urto della costruzione finale viene aumentata con successo fino al 40%.

Anti Wrinkle System perché anche l’occhio vuole la sua parte, ma non solo

La tecnologia utilizzata al momento dello stampo Anti Wrinkle System, con degli speciali inserti interni è in grado di eliminare pieghe e altre imperfezioni, perché si sa anche l’occhio vuole la sua parte. Per le sue caratteristiche tecnologiche, il carbonio fornisce a disegnatori e sviluppatori tante eccellenti possibilità che non hanno altri materiali grezzi normalmente usati per costruire una bici (p.es. l’alluminio). La speciale struttura della superficie è particolarmente affascinante, ma cosa succede all’interno del telaio? MERIDA utilizza specifici inserti negli stampi che riducono notevolmente le pieghe. Il risultato è maggiore rigidità e durabilità, ma minor peso (circa 800g).

Completano la dotazione della Scultura il Gruppo Shimano Dura Ace Di2 e le Ruote Fulcrum Racing Speed 40.

Se sei interessato al  Kit Telaio Team CF4 clicca qui

Le specifiche complete:

Telaio: Merida Scultura, M / L (56)
Forcella: Merida Road Race Carbon
Stem: FSA OS, 120
Manubrio: FSA Compact 42
Freno anteriore: Shimano Dura-Ace
Freno posteriore: Shimano Dura-Ace
Deragliatore: Shimano Dura-Ace Di2
Deragliatore posteriore: Shimano Dura-Ace Di2
cassette: Shimano Dura-Ace 11-28T
Catena: Shimano Dura-Ace 11 velocità
GUARNITURA: SRM, 172.5mm, 53 / 39T
Pedali: Shimano Dura Ace
Ruote : Fulcrum Speed 40 tubolari
Pneumatici: Continental Competition 25mm
Sella: Prologo Nago C3
Reggisella: FSA Kforce
Portaborracce: Elite Custom Race Plus

Ti può anche interessare:

Merida Reacto III
Merida Reacto III – Immagini road.cc

Merida Reacto III: presentato il nuovo modello 2018

Condividi su

Post Correlati