Sei in

Come scegliere la migliore assicurazione auto in assoluto 9 cose da sapere

Come scegliere la migliore assicurazione auto in assoluto

Una guida in 9 punti per scegliere la migliore assicurazione auto in assoluto.

Esiste la migliore assicurazione auto in assoluto? Sì esiste ed è quella fatta su misura per ognuno di noi. Quale Assicurazione auto scegliere non è solo una questione di prezzo. La scelta, infatti, dipende da molti fattori: ad esempio chi guida il veicolo abitualmente, lo stile di guida, i km percorsi e quanto sentiamo forte l’esigenza di sentirci tutelati di fronte agli innumerevoli rischi che si corrono in strada.

Se volete sapere quale assicurazione auto scegliere vi spieghiamo le 9 garanzie da controllare e valutare attentamente in un preventivo per una polizza RC Auto.

1. Massimale Assicurazione RC Auto consigliato

La legge prevede che il massimale minimo da assicurare sia 6 milioni di euro. È importante però valutare la possibilità di assicurarsi per un massimale più elevato: con i dovuti scongiuri, possono capitare sinistri che causano danni ingenti e, quindi, il massimale minimo non è sufficiente a coprire il risarcimento. Pensiamo da esempio ad un incidente stradale con più vittime trasportate.

aggiornamento: l’11 giugno 2017 i valori massimi sono stati adeguati e portati a € 6.070.000 per i danni alle persone e € 1.220.000 per i danni alle cose. 

Assicurarsi per un massimale più alto, magari 20 Milioni, non costa molto, la differenza è minima, circa 10/15 euro. Quindi valutare quale massimale scegliere per l’RCA è una cosa a cui dedicare una po’ di attenzione.

 

 

2. Clausola rinuncia alla rivalsa, controllate nel preventivo che sia inserita

Prima di tutto facciamo un esempio per capire di cosa stiamo parlando: supponiamo di causare un incidente avendo alzato un po’ il gomito (guida in stato di ebbrezza). Se la nostra polizza non prevede la clausola di rinuncia alla rivalsa, la compagnia potrà chiederci il rimborso del risarcimento effettuato. Questo è possibile perché previsto dal Codice Civile in particolare con l’art. 1916.

Dunque se abbiamo causato danni per svariate migliaia di euro potremo vederci presentare il conto, a meno che nella nostra polizza non sia prevista la clausola di rinuncia alla rivalsa: in questo caso, infatti, nessuno potrà chiederci nulla. Ecco allora che è importante controllare in fase di preventivo l’inserimento di questa particolare copertura. Ovviamente la garanzia ha un suo costo, circa il 5% del premio, anche se, va detto, alcune Compagnie la inseriscono gratuitamente se siamo disposti a sottoscrive un massimale di RC Auto più elevato.

Due considerazioni ancora su questo punto: la prima è che se state pensando “io sono astemio e, quindi, non mi riguarda …” fate attenzione perché la Rivalsa infatti può scattare per altri casi, come l’uso di farmaci, il mancato uso delle cinture di sicurezza o la mancata revisione del veicolo. Non trascurate poi il caso in cui l’autovettura possa essere condotta da qualcun altro.

La seconda, invece, riguarda il caso in cui siamo tra quelli che stanno cercando l’assicurazione auto che costa meno: un modo per fare preventivi a ribasso (non sempre ovviamente) è proprio quello di escludere questa garanzia. Chiedete sempre a chi vi fa il preventivo o andate a leggere le clausole nel caso stiate valutando una assicurazione online. Decidete voi poi se volete sentirvi più tranquilli o se siete sicuri di essere degli automobilisti provetti.

3. Bonus Protezione

Sappiamo tutti come funziona l’assicurazione in caso di incidente? Se noi abbiamo torto dobbiamo aspettarci l’anno successivo di vedere lievitare il premio della nostra assicurazione auto anche di qualche centinaia di euro.
Le Compagnie assicurative penalizzano sempre di più gli automobilisti indisciplinati. Ma niente paura, nei contratti possiamo inserire il “Bonus Protezione”.

Come funziona il bonus protezione? Supponiamo che nel corso dell’anno causiamo un incidente e che la nostra compagnia debba risarcire il danno alla nostra controparte. Alla scadenza annuale del contratto la nostra classe di merito aumenterà ma il premio assicurativo rimarrà invariato (fatti salvi gli aumenti di tariffa).

Se consideriamo che l’aumento in caso di sinistro del premio può raggiungere anche i 200/300 euro, i soldi spesi per il bonus protezione, parliamo di 20/30 euro circa, possono essere un buon investimento.

4. Pagamento del premio assicurazione auto semestrale o annuale? E la soluzione mensile?

Pagare il premio della assicurazione auto per molti è una comodità: pagare un po’ per volta si sa ci aiuta a gestire le nostre spese. Il frazionamento del premio ha però un costo, che dobbiamo valutare, per capire se vale ne vale la pena. Abituiamoci a confrontare, anche in caso di una assicurazione auto online, la differenza tra le soluzioni.

Sempre più spesso ci sono compagnie che offrono il pagamento mensile: anche qui la modalità di pagamento ci può aiutare molto nella gestione del bilancio familiare. Ancora una volta però dobbiamo valutare attentamente ciò che ci viene proposto. Esistono, infatti, due tipi differenti di polizze con pagamento mensile. Alcune compagnie fanno accendere all’assicurato un finanziamento che dunque comporta il pagamento di interessi, altre invece, sono poche però, frazionano il premio totale in 12 rate senza costi aggiuntivi.

5. Assicurazione Cristalli

A quanti di noi è capitata la rottura del parabrezza a causa di un sassolino? Dopo la botta che ci ha fatto sussultare vediamo un piccolissimo puntino sul vetro; con il passare dei giorni il puntino si trasforma in una lineetta che cammina cammina fino a trasformarsi in una ragnatela … Senza una adeguata copertura data dalla assicurazione cristalli, sono dolori: i prezzi di un parabrezza variano a seconda del modello di autovettura ma costano comunque qualche centinaio di euro ed in alcune casi possono anche superare i 1.000,00 €. Dunque, se non vogliamo trovarci di fronte ad una spesa imprevista, valutiamo attentamente la possibilità di inserire anche questa copertura.

Anche in questo caso da una compagnia all’altra possono esserci differenze notevoli nelle modalità di rimborso: si va da chi garantisce il cambio dei cristalli più volte in un anno a chi prevede un massimale annuo. Potrebbe essere prevista una franchigia che però non dovrebbe essere applicata nel caso in cui il cambio del parabrezza avviene in centri convenzionati indicati dalle compagnie.

6. Assicurazione per il soccorso stradale

Abbiamo una autovettura un po’ vecchiotta? Siamo spesso lontani da casa? Facciamo molti km per lavoro? Questa garanzia fa per noi. Se proviamo a chiamare un carro attrezzi senza essere assicurati, il costo sarà notevole. Dunque un pensierino anche per questa copertura vale la pena di farlo. L’assistenza vale anche quando in caso di incidente la nostra autovettura, molto danneggiata, vada rimossa da un carratrezzi.

7. La tutela legale nelle assicurazioni auto

La tutela legale nelle assicurazioni auto conviene? Conosciamo il nuovo codice della strada? Siamo aggiornati sulla legge relativa all’omicidio stradale? Su questo argomento ci sarebbe molto da dire, pertanto scriverò un articolo dedicato. Ora è sufficiente sapere che per incorrere in vicende giudiziarie a seguito di un incidente non è detto che si debba guidare un stato di ebbrezza o sotto effetto di stupefacenti. I guai possono arrivare anche per situazioni meno estreme: se a seguito di un incidente causiamo lesioni gravi scatta automaticamente l’azione penale nei nostri confronti. Avere l’assistenza legale diventa importantissimo. Volete sottoscrivere l’assicurazione auto meno cara? Il nostro consiglio è di non risparmiare su questa voce. Anche se nell’incidente abbiamo ragione un avvocato ci servirà comunque nei casi suddetti e si sa che i professionisti intanto vanno pagati, poi si vedrà.

8. Risparmiare sull’assicurazione auto con la scatola nera

Altro argomento su cui ci sarebbe molto da scrivere è quello della famigerata Scatola Nera. Ne parlerò in un altro articolo. A noi può realmente servire?
Intanto vediamo cosa si intende per scatola nera: la scatola nera è un dispositivo satellitare che, installato sulla autovettura, trasmette una serie di dati alla compagnia. Installare una scatola nera comporta un risparmio, e questo è positivo. Quanto? Mediamente si parla di un 20% del premio. Se siamo consumatori attenti, ripensando alle garanzie di cui abbiamo parlato ai punti precedenti, risparmiando con la Scatola Nera potremmo compensare il maggior costo legato magari alla tutela legale, o alla rinuncia alla rivalsa.

Ma perché la scatola nera ci fa risparmiare sulla assicurazione auto? Semplice, le compagnie grazie a questo dispositivo possono sventare le truffe assicurative. I dati sono allarmanti e in termini economici tutto questo si traduce in un aggravio anche per noi consumatori. Quindi se non abbiamo nulla da temere, prendiamo a bordo la scatola nera. Questo dispositivo ci darà anche altri vantaggi poiché permette localizzazione del veicolo sia in caso di furto che in caso di incidente.

9. Assicurazioni auto risparmiare con la Guida Esperta

Le Compagnie Assicurative applicano tariffe diverse a seconda di chi guida il veicolo assicurato. Se il guidatore è esperto, ci si basa sull’età (attenzione che le compagnie usano limiti di età differenti) potremo ottenere uno sconto consistente sottoscrivendo un contratto che preveda la “Guida Esperta”. Però dobbiamo essere sicuri di rispettare le indicazioni della compagnia e dunque essere certi di non lasciare mai l’auto nelle mani di un “giovanotto” o un neopatentato. Diversamente con la Guida Libera potremo dormire sonni tranquilli, anche se ci costerà un po’ di più.

Certo che se la macchina che abbiamo dobbiamo farla guidare ad un neopatentato o noi stessi siamo freschi di permesso di guida, qui c’è ben poco da risparmiare!

Conclusione

In conclusione, se state valutando dei preventivi e volete sapere come scegliere la migliore assicurazione auto in assoluto, verificate attentamente le garanzie e le coperture con i relativi costi che vi stanno offrendo e fate riferimento ai 9 punti di questo articolo.

Condividi su

Post Correlati