Sei in

Giovani e attività sportiva

Giovani e attività sportiva iniziare subito per rallentare l'invecchiamento

Giovani e attività sportiva

Bisogna avere cura della macchina complessa “uomo” e così ci darà per lungo tempo un funzionamento impeccabile e soddisfacente.

Come rallentare l’invecchiamento? Quando iniziare a pensare a rallentarlo? Da subito e a qualsiasi età! Anche se l’invecchiamento non può essere fermato, molto può essere fatto per rallentarlo. Attività fisica, salute e invecchiamento: Quando iniziare? Perché muoversi migliora durata e qualità della vita? Meglio attività aerobiche o muscolari? E a quali dosi?

Giovani e attività sportiva : un impegno e un obiettivo che riguarda tutti

Attualmente il segreto per restare giovani è all’interno dei nostri geni, ma … dobbiamo spingere i giovani a fare attività fisica. Migliorare la capacità della scuola nell’indirizzare e proporre ai giovani percorsi sportivi adeguati deve essere obiettivo primario. Una persona sedentaria, da grande, ha doppie possibilità di avere problemi al cuore rispetto ad una fisicamente attiva e doppie possibilità di morire in caso di infarto.
Se non spingiamo i giovani a fare attività fisica, li troviamo poi per “strada” a copiare i modelli sbagliati degli adulti; eccesso di fumo, alcool, droga, alimentazione non corretta. Non ci dimentichiamo che tra i più quotati fattori di rischio di mortalità troviamo dunque il fumo, l’obesità, l’ipertensione, il diabete e un eccesso di lipidi plasmatici (colesterolo e trigliceridi). Tutti fattori, guarda caso, prevenibili (o contenibili) con l’attività fisica.

I nostri progenitori sopravvissuti in condizioni ostili grazie al movimento

Dobbiamo allargare lo sguardo sulla ben più lunga scala cronologica dell’evoluzione. Noi siamo i figli di progenitori di successo, arrivati primi sul podio nella competizione alla sopravvivenza in un’arena di condizioni ambientali ostili e di fame, viste le scarse occasioni di abbondanza alimentare. I vincitori di questa gara lunga quanto la storia dell’umanità sono sopravvissuti grazie al movimento e all’adattamento degli organi ad esso.
Fare attività fisica vuol dire la realizzazione di multi esperienze legate al mantenimento, potenziamento ed implementazione di aspetti legati al benessere psico-fisico della persona ed alla sua formazione integrale. In una visione olistica che considera l’essere umano come la compenetrazione degli elementi cognitivi, corporei e spirituali, i campi coinvolti possono essere individuati, oltre che in quello della pratica delle attività motorie e sportive, quello del sociale, dell’alimentare, dello studio e dell’informazione.

Le potenzialità del nostro paese

Le istituzioni politiche assieme agli organi sportivi del C.O.N.I. dovrebbero focalizzare l’attenzione e tutti gli sforzi per dare la possibilità ai giovani di praticare al meglio qualsivoglia attività sportiva. Il nostro paese oltre ad avere l’80% del patrimonio culturale mondiale preservato dall’UNESCO, ha anche in se la conformazione adatta, mari, monti, pianura, colli…..per sviluppare più centri di eccellenza per la pratica dello sport. Ricordiamo che l’educazione e la pratica sportiva ebbero un ruolo importante nel regime fascista. Facendo un’analisi apolitica ricordiamo come nel governo “mussoliniano” lo sport divenne rappresentazione della potenza e della identità nazionale. Gli italiani dell’epoca e soprattutto i giovani, imitando i vincitori delle Olimpiadi, volti atletici della Patria, accumulavano energie praticando gli esercizi fisici, così da possedere resistenza e potenza da utilizzare sia in tempo di guerra sia in tempo di pace.

Attività fisica unico antidoto contro l’invecchiamento

Per finire, per i bambini e i ragazzi in età scolare la raccomandazione generale è quella di fare almeno un’ora di attività fisica di moderata intensità al giorno. Per tutti il nostro suggerimento è: muoversi, muoversi, muoversi, anche ad intensità molto blande, è sempre meglio di niente!
Speriamo che in un futuro la ricerca sul DNA dia risultati formidabili alla modificazione genica per aumentare la vita. Attualmente però l’unico antidoto all’invecchiamento è praticare un’attività fisica continuativa.

Condividi su

Post Correlati