Sei in

Ciliegie: tante proprietà e benefici in piccoli frutti golosi

Ciliegie, ricche di proprietà, poco caloriche e amiche della dieta

Le ciliegie: dolci, golose, talmente buone che “una tira l’altra”. Ma cosa contengono le ciliegie? Quali sono le loro proprietà? Vediamolo insieme.

La salute in tavola con le ciliegie

Il ciliegio appartiene alla famiglia delle Rosaceae, come le fragole. Lo troviamo di due specie: Avium, dai frutti dolci, e Cerasus, da cui provengono amarene e visciole. La specie Avium conta due varietà principali: la Juliana, ovvero tutte le tenerine, e la Duracina, i duroni, dai frutti più grandi e scuri.

Sono frutti di fine primavera, inizio estate. Secondo la varietà e il luogo in cui vengono coltivate, maturano tra Maggio e Luglio, protagoniste della tavola e di sagre a loro dedicate. Ricche di proprietà e poco caloriche, sono il frutto ideale per merende e spuntini, marmellate e crostate.

[AdSense-A]

Ciliege, cosa contengono e perché fanno bene

Questi piccoli frutti contengono molti elementi salutari e benefici per la salute, come vitamine, sali minerali, fibre, flavonoidi, antocianine. La vitamina A è necessaria per mantenere in salute gli occhi e la vista, la vitamina C contribuisce alla sintesi del collagene, garantendo tono ed elasticità alla pelle. Inoltre rinforza il sistema immunitario, migliorando la resistenza ad infezioni e infiammazioni. L’alto valore di Potassio, contribuisce a regolare la pressione arteriosa, migliorando la circolazione. Il Fosforo favorisce l’assorbimento del Calcio, anch’esso presente nel frutto.

Le ciliegie contengono flavonoidi, elementi molto importanti, perché contrastano i radicali liberi, tossine responsabili dell’invecchiamento cellulare, migliorano la funzionalità del fegato e combattono la fragilità capillare. Contribuiscono ad abbassare il colesterolo. Dei flavonoidi fanno parte gli antociani, o antocianine, responsabili del colore rosso.  Le ciliege contengono acido malico, che favorisce la digestione degli zuccheri, migliorando l’attività del fegato.

Riassumendo, le ciliegie hanno proprietà rinfrescanti, rivitalizzanti. Hanno proprietà diuretiche e lassative (se assunte in quantità). Depurative e disintossicanti per fegato e reni. Sono permesse e consigliate nelle diete, grazie al modesto apporto calorico (38 cal per 100 g) e alle proprietà diuretiche.

Ciliegie, controindicazioni

Come le fragole, le ciliegie liberano istamina, un elemento allergizzante. Per questo motivo non sono indicate a persone potenzialmente allergiche. Per la loro azione lassativa, sono sconsigliate in caso di coliti o colon irritabile. Possono causare gonfiore addominale, se assunte in gran quantità. Non sono adatte ai bambini al di sotto dei due anni di età.

Le varietà di ciliege più comuni sono le Ferrovia e il Durone di Vignola

Varietà di ciliegie

Attraversando l’Italia, le varietà di ciliege che incontriamo sono davvero molte. Alcune tipiche di una zona specifica, altre di una regione, altre ancora coltivate in tutto lo stivale. Tra le più conosciute e coltivate troviamo la Ferrovia, di forma rotonda, che termina a punta. E’ dolce, dal colore rosso scuro e di grandi dimensioni. Molto famoso è il Durone di Vignola, tipico della città di Vignola, in Emilia Romagna. La Ciliegia di Marostica ha conquistato il marchio di Indicazione geografica protetta (IGP). Tipica del Veneto è la Mora di Cazzano, detta anche durone di Verona. Nelle colline pisane si coltiva la Ciliegia di Lari.

[AdSense-B]

Della ciliegia non si butta via niente

Quando mangiate le ciliegie, ricordate di conservare piccioli e nocciolini. Con i piccioli essiccati si prepara un infuso depurativo e diuretico, utile anche per combattere cistite e infiammazioni delle vie urinarie. Si lasciano 10 g di piccioli in infusione per dieci minuti in 250 ml di acqua bollente. Filtrare e dolcificare secondo preferenze.

I noccioli hanno la particolarità di essere dei buoni conduttori termici. Trattengono il calore e lo rilasciano lentamente. Dopo averli lavati ed essiccati, scaldarli in forno (anche microonde) e infilarli in un sacchettino di stoffa. Utili per tutte le infiammazioni o dolori articolari che rispondono bene al calore. Nelle fredde notti d’inverno sono un ottimo scaldino da letto!  Per gonfiori e contusioni, è sufficiente raffreddarli in frigorifero, meglio ancora in freezer.

Se amate i lavoretti creativi, forate i noccioli, dipingeteli e utilizzateli per fare collane e braccialetti.

 

Condividi su

Post Correlati