Sei in

Caro Natale, quanto mi costi? Ecco quanto spenderemo in regali quest’anno

regali-di-natale

Altro che crisi! Se c’è una cosa alla quale noi italiani non rinunciamo sono i regali di Natale, le tradizionali strenne da scambiare con familiari, amici e colleghi a ridosso delle Feste di fine anno. Secondo una recente ricerca, infatti, nonostante la contrazione generale dei consumi si prevede una spesa media di oltre 200 euro a testa solo in questo periodo.

Tutti noi abbiamo una lista composta da 9 nomi in media e siamo chiamati a spendere, nelle prossime settimane, qualcosa come 211 euro. Non si tratta di anticipazioni “misteriose”, ma dei risultati di una ricerca di mercato TNS che ha fatto il punto sui preparativi degli italiani verso il Natale e, soprattutto, verso il tradizionale momento dello scambio dei regali con parenti, amici e colleghi. Una sorta di obbligo piacevole a cui in pratica nessuno riesce o vuole sottrarsi.

Natale più ricco (e caro). Secondo le statistiche, in particolare, quest’anno sarà addirittura più ricco (e caro) di quello scorso, visto che spenderemo in media l’8 per cento in più di regali, per un totale che dovrebbe superare appunto i 200 euro a testa. A essere più coinvolte da questa attività “sociale” sono le persone che appartengono alla fascia di età tra i 35 e i 54 anni (la cosiddetta Generazione X), che farà in media 10 regali, mentre ovviamente all’opposto ci sono i più giovani (16-24 anni) che hanno a disposizione meno risorse e forse subiscono anche meno obblighi e convenzioni, e che si accontentano di circa 7,5 regali.

Chi scarta i pacchi? I destinatari di questi acquisti sono principalmente i figli e i genitori: per i piccoli (di ogni età) si spendono infatti quasi 138 euro, mentre è curioso scoprire che per un italiano su tre il partner (che sia moglie o marito) non è ai primi posti della lista, o addirittura è escluso dai regali. Per fortuna (dell’amore), c’è comunque chi investe in media oltre 90 euro da destinare a un pensiero per l’altra metà della coppia, quota che supera quella per i nipoti (circa 72 euro) e genitori (intorno ai 60). I fortunati che hanno un lavoro, poi, dovranno ritagliare all’incirca 26 euro dal proprio budget per acquistare qualcosa anche i colleghi.

Strategia di acquisto. Insomma, manca poco al momento in cui tutti saremo travolti da questa ondata di shopping, anche se c’è qualcuno che si è già mosso per tempo – approfittando magari delle promozioni disponibili nelle giornate del Black Friday o del Cyber Monday – o che sta pianificando con accortezza le sue mosse, sfruttando tutti i mezzi a disposizione. In particolare, per questi “strateghi” (o per tutti quelli che non vogliono subire un salasso!) esiste una piccola ancora di salvezza, rappresentata dai coupon che si trovano sul sito Piucodicisconto, che consentono di ottenere interessanti e vantaggiose riduzioni sui prezzi degli articoli proposti dai principali siti di ecommerce del Web.

Il regalo da sogno. Perché, anche se è vero che “è il pensiero che conta” e non il valore, a scoprire poi i veri desideri degli italiani (ovvero, il regalo da sogno da trovare sotto l’albero), si scopre che il 23 per cento delle persone spera in un biglietto per un viaggio, mentre in tanti si “accontentano” di un capo di abbigliamento firmato o di un nuovo paio di scarpe e non manca, ovviamente, chi preferirebbe uno smartphone ultimo modello o qualche altro gadget hi-tech.

Conta il pensiero? Tuttavia, c’è un altro punto che si rivela interessante per tutti quelli che si accingono ad acquistare un regalo: quasi un italiano su due dichiara che apprezza maggiormente un dono quando è pensato su misura, in linea al suo essere e alle sue attitudini, a prescindere dal marchio e dal cartellino. Che sia retorica o un pizzico di ipocrisia non è possibile stabilirlo, ma di sicuro è un fattore da tenere a mente al momento dello shopping.

Condividi su

Post Correlati